Via Daveggio 119

48.900,00 €

San Colombano Certenoli (Proc. RE 945/2015+121/2015)

Dettagli

  • 48.900,00 €
  • Vendita: 18/07/2018 15:00
  • Proc.: RE 945/2015+121/2015
  • Abitazione
  • Vani: 4.5
  • Bagni: 1
  • Disponibilità: Occupato
  • Anno di costruzione: anni '70
  • Classe energetica: G

TRIBUNALE DI GENOVA
Procedura Esecutiva RE 945/2015+121/2015 – Dott. Rosario Ammendolia
Avviso di vendita telematica sincrona a partecipazione mista

L’Avv. Alberto Arena delegato dal Tribunale di Genova con ordinanza dell’11.5.2016, COMUNICA
che il 18 luglio 2018 ore 15.00 presso il Tribunale di Genova Piazza Portoria 1, aula 46, piano 3°, si svolgerà la vendita telematica sincrona a partecipazione mista, nel rispetto dell’ordinanza di delega e della normativa regolamentare di cui all’art. 161 ter disp. att. c.p.c., nonché in base al decreto del Ministro della Giustizia 26 febbraio 2015, n. 32. In particolare, si procederà all’apertura delle buste cartacee e telematiche relative alle offerte per l’acquisto senza incanto del bene immobile di cui infra, meglio descritto in ogni sua parte nella relazione peritale in atti redatta dall’Ing. Armando Casamassima.
Le buste presentate con la modalità cartacea saranno aperte alla presenza del professionista delegato e degli offerenti e saranno inserite nella piattaforma www.astetelematiche.it a cura del professionista delegato. Le buste presentate con la modalità telematica saranno aperte dal delegato tramite la piattaforma del gestore della vendita telematica www.astetelematiche.it. In seguito alle necessarie verifiche sulla regolarità formale della partecipazione e sul versamento della cauzione, il delegato provvede all’ammissione o meno dei partecipanti alla vendita. Coloro che hanno formulato l’offerta con modalità telematica partecipano alle operazioni di vendita con la medesima modalità, coloro che hanno formulato l’offerta cartacea partecipano comparendo innanzi al delegato alla vendita. In caso di gara, gli eventuali rilanci saranno formulati nella medesima unità di tempo, sia in via telematica, sia comparendo innanzi al delegato alla vendita.

LOTTO UNICO: In Comune di San Colombano Certenoli (GE), nella casa distinta col civico n. 119 di Via Daveggio, appartamento ad uso residenziale segnato con l’interno 1, posto al piano 1°, di vani catastali 4,5, con annessi giardino e cantina.
Al Catasto Fabbricati di San Colombano Certenoli: Foglio 38, mappale 1180, sub. 1, graffato al mappale 778, Cat. A/3, cl. 2, vani 4,5, RC Euro 278,89 (appartamento e giardino) Foglio 38, mappale 1180, sub. 5, Cat. C/2, cl. 1, mq. 29, RC Euro 59,91 (cantina). Per regolarità edilizia, stato dell’immobile e ulteriori informazioni visionare la suddetta relazione peritale che l’offerente ha l’onere di consultare.
L’immobile risulta occupato dall’esecutata.

Per regolarità edilizia, stato dell’immobile e ulteriori informazioni circa le modalità di partecipazione alla vendita visionare le “disposizioni generali in materia di vendita” e la relazione peritale, che l’offerente ha l’onere di consultare, sui siti internet www.astegiudiziarie.it, www.genovaogginotizie.it, www.tribunaliitaliani.it, cambiocasa.it e sui siti internet gestiti da “Manzoni & C. Spa”.

PREZZO BASE: Euro 48.900,00

L’offerta di acquisto (su carta bollata) dovrà essere presentata, previo appuntamento telefonico, in busta chiusa presso lo studio del delegato, entro le ore 12.00 del 21 settembre 2017.
In caso di gara l’aumento minimo dei rilanci è fissato in € 2.000,00.

Si evidenzia che il Tribunale di Genova non si avvale di mediatori e che per la presente vendita nessun compenso è dovuto ad agenzie immobiliari.

L’immobile è dotato di Attestato di Prestazione Energetica N.15456 del 5.4.2016. Alla data del sopralluogo del perito stimatore l’immobile risultava occupato dall’esecutato.

Non saranno considerate valide offerte inferiori di un quarto al prezzo base d’asta. Le offerte valide inferiori al prezzo base saranno prese in considerazione solo se non via siano altre offerte e se il delegato ritenga che non vi sia la possibilità di conseguire un prezzo superiore ad una successiva vendita.

Custode: SO.VE.MO. – C.so Europa 139 – 16132 Genova (tel: 010/5299253). Per ulteriori informazioni contattare il delegato allo 010/593937 Avv. Alberto Arena.

Gli interessati all’acquisto potranno presentare l’offerta irrevocabile di acquisto in forma cartacea o telematica in base alla modalità di partecipazione scelta. L’offerta d’acquisto è irrevocabile fino alla data dell’udienza fissata per l’esame delle offerte e comunque per almeno 120 giorni dalla sua presentazione.
L’importo della cauzione versata sarà trattenuto in caso di rifiuto dell’acquisto. La restituzione della cauzione versata tramite bonifico dai non aggiudicatari, avverrà sul conto corrente utilizzato per il versamento della cauzione ed al netto degli eventuali oneri se applicati dall’istituto di credito.
L’offerta d’acquisto sarà inefficace se perverrà non seguendo la modalità indicata e/o oltre la tempistica prevista; o se sarà inferiore di oltre un quarto rispetto al prezzo base d’asta indicato; o se l’offerente presterà cauzione con le modalità stabilite nel presente avviso di vendita in misura inferiore al decimo del prezzo da lui offerto.

PRESENTAZIONE DELL’OFFERTA IN FORMA CARTACEA

L’offerta di acquisto in forma cartacea dovrà essere presentata su carta bollata, in busta chiusa presso lo studio del delegato, entro le ore 12.00 del 17 luglio 2018 unitamente a due assegni circolari non trasferibili, uno di importo pari al 10% del prezzo offerto quale cauzione intestato “Esecuzione Immobiliare RGE 945/2015”, l’altro pari al 15% del prezzo offerto quale fondo spese presunte intestato “Avv. Alberto Arena Esecuzione Immobiliare RGE 945/2015”.
In caso di gara l’aumento minimo dei rilanci è fissato in € 2.000,00.
1) Le offerte di acquisto, corredate da marca da bollo da € 16,00, dovranno essere presentate, previo appuntamento telefonico al numero: 010.593937, in busta chiusa, a mani del Delegato (o di un suo incaricato), presso il suo studio sito in Genova, Via Macaggi 25/14, entro le ore 12.00 del giorno indicato nell’avviso di vendita, pena l’inefficacia delle offerte medesime. Il professionista Delegato annoterà sulla busta, previa identificazione, le generalità di chi presenta l’offerta, che può anche essere persona diversa dall’offerente, e le altre indicazioni di cui all’art. 571 CPC. Si raccomanda agli offerenti di intervenire all’apertura delle buste nel giorno e nell’ora stabiliti.
2) L’offerta dovrà contenere:
a) il cognome, nome, luogo e data di nascita (denominazione o ragione sociale in caso di società), residenza, codice fiscale, domicilio, stato civile del soggetto cui andrà intestato l’immobile con indicazione del regime patrimoniale nel caso l’offerente sia coniugato. Le offerte possono essere presentate anche da coloro che intendono effettuare il versamento del prezzo previa stipula di contratto di finanziamento che prevede il versamento diretto delle somme erogate in favore della procedura. Se l’offerente è coniugato e in regime di comunione legale dei beni, dovranno essere indicati anche i corrispondenti dati del coniuge. Se l’offerente è minorenne, l’offerta dovrà essere sottoscritta dai genitori previa autorizzazione del giudice tutelare. L’offerta potrà essere formulata anche per persona da nominare, ai sensi dell’art. 579 u.c. CPC. Se l’offerente agisce quale legale rappresentante di altro soggetto, dovrà essere allegato certificato del registro delle imprese da cui risultino i poteri ovvero la procura o l’atto di nomina che giustifichi i poteri;
b) i dati identificativi del bene per il quale l’offerta è proposta: N.B.: in caso di più lotti, le offerte dovranno essere presentate separatamente per ciascun lotto;
c) l’indicazione del prezzo offerto, che non potrà essere inferiore di oltre un quarto al prezzo stabilito nell’avviso, a pena d’inefficacia dell’offerta. NOTA BENE: ai sensi dell’art. 572 comma III CPC, nel caso in cui le offerte siano inferiori rispetto al prezzo stabilito nell’avviso di vendita ma in misura non superiore ad un quarto, il delegato può far luogo alla vendita quando ritiene che non vi sia seria possibilità di conseguire un prezzo superiore con una nuova vendita e non siano state presentate istanze di assegnazione ai sensi dell’articolo 588 CPC;
d) l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima e delle condizioni della vendita contenute nelle presenti disposizioni generali.
3) All’offerta dovrà essere allegata una fotocopia del documento di identità valido dell’offerente, nonché, a pena di inefficacia:
a) un assegno circolare non trasferibile intestato a “Esecuzione Immobiliare RGE 945/2015”, per un importo pari al 10 % del prezzo offerto a titolo di cauzione;
b) un assegno circolare non trasferibile intestato a “Avv. Alberto Arena Esecuzione Immobiliare RGE 945/2015”, per un importo pari al 15% del prezzo offerto a titolo di anticipazione sulle spese.
4) L’offerta presentata è irrevocabile ai sensi dell’art. 571 comma 3 CPC.
5) In caso di aggiudicazione, l’offerente è tenuto al versamento del saldo prezzo e degli oneri, diritti e spese di vendita nel termine di 60 giorni dalla aggiudicazione. In caso d’inadempimento, l’aggiudicazione sarà revocata e l’aggiudicatario perderà le somme versate a titolo di cauzione ai sensi dell’art. 587 CPC.
6) In caso di più offerte valide, si procederà a gara immediatamente dopo l’apertura delle buste sulla base dell’offerta più alta. Il bene verrà definitivamente aggiudicato a chi avrà effettuato il rilancio più alto.

PRESENTAZIONE DELL’OFFERTA IN FORMA TELEMATICA

L’offerta di acquisto deve essere presentata tramite il modulo web “Offerta Telematica” messo a disposizione dal Ministero della Giustizia, che permette la compilazione guidata dell’offerta telematica per partecipare ad un determinato esperimento di vendita, ed a cui è possibile accedere dalla scheda del lotto in vendita presente sul portale www.astetelematiche.it. Dal modulo web è scaricabile il “manuale utente per la presentazione dell’offerta telematica”.
L’offerta d’acquisto telematica, unitamente ai relativi documenti allegati, dovrà essere inviata all’indirizzo PEC del Ministero della Giustizia offertapvp.dgsia@giustiziacert.it e si intenderà depositata nel momento in cui viene generata la ricevuta completa di avvenuta consegna da parte del gestore di posta elettronica certificata del Ministero della Giustizia.
L’offerta, a pena di inammissibilità, dovrà essere sottoscritta digitalmente, ovverosia utilizzando un certificato di firma digitale in corso di validità rilasciato da un organismo incluso nell’elenco pubblico dei certificatori accreditati, e trasmessa a mezzo di casella di posta elettronica certificata, ai sensi dell’art. 12, comma 5 del D.M. n. 32/2015.
In alternativa, è possibile trasmettere l’offerta ed i documenti allegati a mezzo di casella di posta elettronica certificata per la vendita telematica ai sensi dell’art. 12, comma 4 e dell’art. 13 del D.M. n. 32/2015, con la precisazione che, in tal caso, il gestore del servizio di posta elettronica certificata attesta nel messaggio (o in un suo allegato) di aver provveduto al rilascio delle credenziali di accesso previa identificazione del richiedente ovvero di colui che dovrebbe sottoscrivere l’offerta (questa modalità di trasmissione dell’offerta sarà concretamente operativa una volta che saranno eseguite a cura del Ministero della Giustizia le formalità di cui all’art. 13, comma 4 del D.M. n. 32/2015).
L’offerta d’acquisto è irrevocabile e deve contenere i dati identificativi dell’art. 12 del DM 32 del 2015 tra cui:
a) il cognome, nome, luogo e data di nascita (denominazione o ragione sociale in caso di società), residenza, codice fiscale, domicilio, stato civile del soggetto cui andrà intestato l’immobile con indicazione del regime patrimoniale nel caso l’offerente sia coniugato. Le offerte possono essere presentate anche da coloro che intendono effettuare il versamento del prezzo previa stipula di contratto di finanziamento che prevede il versamento diretto delle somme erogate in favore della procedura e la garanzia ipotecaria di primo grado sull’immobile oggetto della vendita. Se l’offerente è coniugato e in regime di comunione legale dei beni, dovranno essere indicati anche i corrispondenti dati del coniuge. Se l’offerente è minorenne, l’offerta dovrà essere sottoscritta dai genitori previa autorizzazione del giudice tutelare. L’offerta potrà essere formulata anche per persona da nominare, ai sensi dell’art. 579 u.c. CPC. Se l’offerente agisce quale legale rappresentante di altro soggetto, dovrà essere allegato certificato del registro delle imprese da cui risultino i poteri ovvero la procura o l’atto di nomina che giustifichi i poteri;
b) i dati identificativi del bene per il quale l’offerta è proposta: N.B.: in caso di più lotti, le offerte dovranno essere presentate separatamente per ciascun lotto;
c) l’indicazione del prezzo offerto, che non potrà essere inferiore di oltre un quarto al prezzo stabilito nell’avviso, a pena d’inefficacia dell’offerta. NOTA BENE: ai sensi dell’art. 572 comma III CPC, nel caso in cui le offerte siano inferiori rispetto al prezzo stabilito nell’avviso di vendita ma in misura non superiore ad un quarto, il delegato può far luogo alla vendita quando ritiene che non vi sia seria possibilità di conseguire un prezzo superiore con una nuova vendita e non siano state presentate istanze di assegnazione ai sensi dell’articolo 588 CPC;
d) l’espressa dichiarazione di aver preso visione della perizia di stima e delle condizioni della vendita contenute nelle presenti disposizioni generali.
3) L’offerta presentata è irrevocabile ai sensi dell’art. 571 comma 3 CPC.
4) In caso di aggiudicazione, l’offerente è tenuto al versamento del saldo prezzo e degli oneri, diritti e spese di vendita nel termine di 60 giorni dalla aggiudicazione. In caso d’inadempimento, l’aggiudicazione sarà revocata e l’aggiudicatario perderà le somme versate a titolo di cauzione ai sensi dell’art. 587 CPC.
5) In caso di più offerte valide, si procederà a gara immediatamente dopo l’apertura delle buste sulla base dell’offerta più alta. Il bene verrà definitivamente aggiudicato a chi avrà effettuato il rilancio più alto.
6) L’offerente dovrà versare l’importo pari al 10 % del prezzo offerto a titolo di cauzione e l’importo pari al 15% del prezzo offerto a titolo di anticipazione sulle spese.
Detti pagamento verranno effettuati al seguente IBAN: IT30J0617501413000001643480
L’offerente dovrà indicare:
– la data, l’orario e il numero di CRO dei bonifici effettuati per i citati versamenti;
– il codice IBAN del conto sul quale è stata addebitata la somma oggetto del bonifico;
– l’indirizzo della casella di posta elettronica certificata o della casella di posta elettronica certificata per la vendita telematica utilizzata per trasmettere l’offerta e per ricevere le comunicazioni previste;
– l’eventuale recapito di telefonia mobile ove ricevere le comunicazioni previste.
I bonifici, con causale “Esecuzione Immobiliare RGE 945/2015”, dovranno essere effettuati in modo tale che l’accredito delle somme abbia luogo entro il giorno precedente l’udienza di vendita telematica.
L’offerente deve procedere al pagamento del bollo dovuto per legge in modalità telematica, salvo che sia esentato ai sensi del DPR 447/2000. Il bollo può essere pagato tramite carta di credito o bonifico bancario, seguendo le istruzioni indicate nel “manuale utente per la presentazione dell’offerta telematica”.

Dettagli lotto

Lotto
Unico
Dati catastali
fg.38-part.1180-sub-1
Classe energetica
G
Base d'asta
48.900,00 €
Quota
Piena Proprietà
Aumento offerte
2,000.00 €
Cauzione
un assegno circolare non trasferibile intestato a “Avv. Alberto Arena Proc. Esec. RE 945/2015+121/2015”, per un importo pari al 10 % del prezzo offerto; b) un assegno circolare non trasferibile intestato a “Avv. Alberto Arena Proc. Esec. RE 945/2015+121/2015”, per un importo pari al 15% del prezzo offerto a titolo di anticipazione sulle spese
Termini deposito
entro le 12:00 del 17 luglio 2018
Modalità deposito
previo appuntamento telefonico 010.593937, in busta chiusa presso lo studio del delegato Avv. Alberto Arena, entro le 12:00 del 17 luglio 2018
Data udienza
18/07/2018 15:00
Esperimento
quarto esperimento
Luogo vendita
presso il Tribunale di Genova, Piazza Portoria 1, Aula 46, piano 3°

Dettagli procedura

Tribunale
Genova
N° registro
RE 945/2015+121/2015
Registro
Tipo vendita
Vendita Presso il Tribunale
Data ordinanza
11/05/2016
Giudice
Dott. Rosario Ammendolia
Delegato
Avv. Alberto Arena
Custode
Avv. Alberto Arena
Data pubblicazione
26/04/2018

Attenzione: Il servizio di cartografia è aggiuntivo rispetto alla pubblicità giudiziaria e indipendente da essa. La mappa può non rispecchiare esattamente l'ubicazione dell'immobile ed è utile al solo fine di fornire un riferimento generico per la sua localizzazione ed un ausilio alla consultazione. Il servizio è fornito da terze parti e si basa sui dati della cartografia digitale ad oggi disponibile. Edizioni Web s.r.l.s. non si assume responsabilità per la fornitura dello stesso.

I dati nella scheda sono ricavati dai documenti ufficiali allegati alla stessa che sono parte integrante della pubblicità. Si invitano i consultatori a prenderne visione. Documentazione ufficiale in formato cartaceo disponibile presso la Cancelleria del Tribunale. Alcuni file possono risultare non rispondenti al requisito n° 17 dell'Allegato A del D.M. 8 Luglio 2005 trattandosi di documenti ufficiali riproposti in originale e non suscettibili di modifiche da parte del Servizio. TribunaliItaliani.it fornisce comunque, tramite la presente scheda, una sintesi del contenuto dei documenti ufficiali.

Delegato

Avv. Alberto Arena

Altre vendite

Custode

Avv. Alberto Arena

Altre vendite

Torna su